Trent'anni di calcio, ciclismo e storia italiana: una mostra a Terni in Bct



Lo sport così come si raccontava e si faceva vedere prima che le televisioni portassero i campioni e le loro imprese nel salotto di casa. Così, la Biblioteca Comunale di Terni (Bct) ha allestito una mostra di alcuni numeri, particolarmente significativi, de "Il Calcio e il Ciclismo illustrato", pubblicati nel periodo che va dal 1940 al 1966. E' una collezione che contiene tutte le riviste uscite in edicola in quei 27 anni e che è stata donata alla Bct dalla famiglia di Lamberto Castellani, che ha inteso così di rendere fruibile a tutti un vero e proprio patrimonio storico.

Le squadre di calcio, i personaggi, le grandi gare ciclistiche: le cronache e i commenti e, soprattutto,  qualche migliaio di fotografie color seppia. Solo pochissimi numeri sono a colori e riguardano un evento sportivo d'eccezione come i campionati del mondo di calcio del 1954.
Un'occasione per conoscere, e per molti di ricordare. Ma anche l'opportunità di rendersi conto dei cambiamenti avvenuti in quasi trent'anni nel modo di raccontare, di come gli eventi politici abbiano in qualche modo influito anche nello sport e nelle cronache sportive. Si va, ad esempio, dall'italianizzazione dei nomi delle squadre di calcio avvenuta proprio nel 1940, per cui il Milan divenne Milano e l'Inter si chiamò Ambrosiana, all'invito rivolto alle donne ad andare a votare il 18 aprile 1948. Poi i commenti di grandi nomi: da Vittorio Pozzo, il commissario tecnico della nazionale azzurra due volte campione del mondo, a Nicolò Carosio, il primo grande telecronista sportivo.
E poi lui, lo Sport: dalla tragedia del Grande Torino" ai trionfi di Coppi e Bartali. Dalla conquista del decimo scudetto dell'Inter, quando nacque "la grande Inter" di Helenio Herrera, a campioni del pedale come Felice Gimondi, Gianni Motta, Eddy Merckx ed ancor prima Fiorenzo Magni. Le foto della formazione granata dei trionfi, il volto sorridente di Fausto Coppi che indossa la maglia di campione del mondo, alla grinta di "Ginettaccio" Bartali.

La mostra, inaugurata il 3 aprile, resterà aperta fino al 27 aprile 2019, in Bct (Sala Farini) col seguente orario: Lunedì-venerdì 8.30-18.30; sabato 8,30-13.

Commenti