1960, a Perugia fa tappa la Genova-Roma. E Brugnami fa il diavolo a quattro

Desmet e Brugnami

Il 24 marzo 1960 fece tappa a Perugia la corsa ciclistica Genova-Roma. Era la penultima giornata di gara che aveva visto lo svolgersi di due semitappe: la prima, da Firenze a Poggibonsi, 72 chilometri, era tappa per velocisti e fu vinta, infatti, da Nino De Filippis davanti a Fallarini. Più impegnativa la seconda semitappa, la Poggibonsi-Perugia, di 170 chilometri, che presentava all'arrivo l'impegnativo strappo per tagliare il traguardo posto nella parte alta della città.
A rendere vivace la tappa ci fu un corridore perugino, Giancarlo Brugnami, che voleva mettersi in luce davanti al pubblico di casa, anche se lui è di Corciano, un centro ad un tiro di schioppo da Perugia.
Ci si aspettava in verità l'attacco di Gastone Nencini che era in classifica a soli nove secondi dal belga Gilbert Desmet il quale aveva conquistato il primato già alla prima tappa. Ma l'attacco del corridore toscano non ci fu. Anzi Nencini restò nel gruppo dei ritardatari ed arrivò a Perugia con sette minuti di distacco.
Sugli scudi allora, Brugnami. Un giovanotto al primo anno di professionismo che nel corso della prima tappa era, nella classifica generale, settimo ad un minuto da Desmet, ma che era balzato al quarto posto a Poggibonsi. Archiavata la prima semitappa con la vittoria in volata del “Cit” De Filippis, nella seconda verso Perugia le polveri si accesero vicino Chianciano, quando mancavano 66 chilometri all'arrivo. Un nutrito gruppo di corridori si avvantaggiò: tra di essi Barale, Keteeler e Desmet, Moser, Fantini, Brankart e Brugnami.
Alle porte di Perugia, mentre la strada cominciava a salire cominciarono le scaramucce. Il francese Ilaire Couvreur riuscì a staccare i compagni di fuga. Secondo fu Mahé a 8 secondi, quindi , a 15 secondi, Fantini, Nielsen, Desmet, Simpson, Galeaz, Bramkart e Brugnami (sesto al traguardo), ma al secondo posto della classifica generale.
A Perugia i giochi potevano considerarsi ormai fatti per la vittoria finale. Il giorno seguente , la Perugia-Roma, era un'altra tappa per velocisti: vinse André Darrigade davanti a Pierino Baffi, mentre Desmet faceva sua la classifica generale davanti ad un sorprendente Brugnami



Classifica finale della Genova-
Roma

1 Desmet 25 h 30’54”
2 Brugnami a 1’ 04”
3 Simpson a 3ì 29
4 Mahé st
5 Brankart a 4’30”
6Otano a 4’49”
7 Moser a 5’17”
8 Fantini a 8’ 01”
9 Galeaz a 8’08”
10 Battistini a 8’11”


Commenti