17 luglio 2018

Etruschi: tornano dalla Germania preziosi reperti perugini e orvietani

Il manifesto della mostra e l'armatura etrusca di Orvieto

Dopo aver suscitato l'interesse dei settantamila visitatori di una mostra tenutasi in Germania, sono ritornati a Perugia e ad Orvieto preziosi reperti etruschi. Si tratta di sette urne cinerarie appartenenti alla famiglia dei Titi Vesii  e dell’armatura della cosiddetta “tomba del guerriero” rinvenuta nel 1863 all’interno di una piccola tomba a camera nei pressi di Porano. Risalente al IV secolo a.C., si compone di elmi, schinieri, corazza anatomica, scudo circolare e, con gli altri reperti portati alla luce, denota l’elevata posizione sociale del defunto.


Le urne cinerarie,  decorate con motivi mitologici come il sacrificio di Ifigenia, il mostro Olta, la punizione di Amico, Medusa, un combattimento tra guerrieri sono anch'esse di grande pregio artistico . Alcune sono riconducibili all’officina del cosiddetto “maestro di Enomao”, risalente all’ultimo quarto del III secolo a.C.
Le opere sono state esposte, da dicembre dello scorso anno a giugno 2018, a Karlsruhe in Germania per la mostra “Gli Etruschi, civiltà mondiale nell’Italia antica”, organizzata con materiale proveniente dai principali musei archeologici italiani, che ha riscosso straordinario successo  superando il numero di 70mila visitatori.

Nessun commento:

Posta un commento

Provincia di Terni: dieci ponti oggetto di verifiche in atto da tempo, ma tutti sicuri

TERNI – Sono dieci i ponti della rete stradale di competenza della Provincia di Terni su cui sono in corso da tempo lavori di verifica del...