11 aprile 2018

In Tribuna/ Antonello Fiorucci: "Nel Pd per cambiarlo"


di Antonello Fiorucci*
È passato qualche anno da quel ‘Possiamo diventare’ fatto da giovani che volevano autonomamente cambiare un Pd in cui vedevano grandi prospettive per una politica diversa, che sapesse rispondere alle nostre domande sul futuro della città e del partito. Qualcuno poi ci prese in giro dicendoci «siete diventati» perché noi, in molti iscritti al Pd per la prima volta, abbiamo deciso di restarci e
di portare avanti le nostre battaglie fatte di metodo e proposte, scoprendo una cosa che dall’esterno del Pd non si vedeva: nel Partito Democratico di Terni c’erano persone piene di esperienze, conoscenze, capacità che messe a sistema, in un sistema sano, avrebbero potuto farli cambiare davvero, il partito e la città.
Negli anni abbiamo però anche capito quanto poco contino le idee quando per vincere un congresso bastano le tessere e quando il criterio di selezione troppo spesso è la fedeltà. L’esperienza e gli errori insegnano, ma noi quell’idea di partito e di città non la abbandoniamo. L’abbiamo ribadita, da ‘Nativi Democratici’, in un congresso in cui partecipare per noi significava dimostrare che un Pd che sa ancora lottare per un principio esiste, nonostante tutto. L’abbiamo ribadita dicendo che i candidati alle politiche andavano fatti scegliere ai nostri elettori con le primarie, così come il candidato sindaco. Perché il partito in cui crediamo, sempre di più, è fatto di primarie e partecipazione vera, costruita nel tempo e non ‘raccapezzata’ all’ultimo, rendendo quel momento identitario e di popolo qualcosa che i nostri dirigenti preferiscono accantonare quando fa loro comodo. Ogni volta che succede, il Pd perde un po’ di se stesso e un po’ di fiducia di chi, infatti, non lo vota più.
Un Pd così chiuso per noi resta un Pd da cambiare. Ma siamo consapevoli non basti chiederlo da organismi depauperati dove anziché chiedere scusa alla città si pensa ancora che basti passare la nottata, dove il potere economico e quello politico sono venuti a fondersi in un connubio che per noi non è accettabile. L’unico modo che vediamo, oggi, per cambiare lo stato delle cose a Terni restando democratici è invitare la città a sfidarci, a misurarci e a confrontarci con un percorso che noi per primi dovremmo ritenere necessario, facendo dell’apertura a quel che c’è fuori di noi il primo e necessario punto di ripartenza.
Se esiste davvero a Terni una parte di comunità che crede che si possa costruire una società aperta e riformista, che possa tornare a confrontarsi sulle questioni importanti per i cittadini, i lavoratori, le imprese ed il territorio, allora quella città, che noi abbiamo saputo interpretare così poco, imponga al Pd, se questo Pd ne è capace, di provare a tenere il passo di questo percorso, pretendendo non un mero ‘rinnovamento’, ma un profondo cambiamento nel modo di fare politica, di servire una comunità, di interpretarne le esigenze. Noi siamo pronti a metterci in discussione, al servizio della città, ma solo per un progetto diverso da quel che è stato fino ad oggi. Non parliamo di una ‘mano di bianco’, ma di una sfida che bisogna giocare, dentro e fuori il partito, con idee, con proposte, con personalità, con l’impegno collettivo e personale che non sappia di telecomandato. Pretendete questo dal Pd. Perché questo è quel che dobbiamo a questa città, senza che qualcuno senta l’esigenza di mascherarsi dietro al civismo in questa fase, mancando ancora una volta il tempo della vera responsabilità e della vera dignità, politica ed umana.
È per questo che noi non usciremo dal Partito, come hanno fatto molti in questi anni, anche alcuni degli amici che con noi volevano cambiarlo e che oggi stanno provando a costruire fuori dal Pd, portando nell’associazionismo quei metodi e quei temi da cui si era partiti e che è importante appartengano alla nuova politica, ma anche alla nuova società. Non la molliamo l’idea che i cittadini possano associarsi liberamente in partiti per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale e locale. Un’idea la cui difesa è costata troppo cara a questo Paese per poterci rinunciare. Ma continueremo a cercare di cambiarlo, nei metodi, nelle idee e nella capacità di dare gambe a quelle idee. Non lavoreremo per chi, anche tramite il Pd, ha portato la città ad essere com’è oggi, ma con chi vorrà costruire quello spazio largo e comune in cui le idee contano più dei nomi di chi comanda.
*Membro dell' Assemblea comunale Pd Terni


Nessun commento:

Posta un commento

Coldiretti Umbia: Berioli presidente dell'Associazione Pensionati

“L’anima vera del mondo agricolo, sta nei profondi valori che esso riesce a trasmettere”: queste le prime parole di Roberto Berioli di Mag...

Post più popolari di sempre