09 aprile 2018

Dopo-terremoto: no alle norme semplificate per la ricostruzione

Danni del terremoto in Valnerina

La Corte Costituzionale ha rilasciato il parere di legittimità sulla Legge regionale 1 del 2015, “Testo unico sull’urbanistica ed il governo del Territorio”, che la Regione Umbria aveva approvato e che era stato oggetto di ricorso da parte del Governo il quale
“aveva contestato oltre quaranta disposizioni contenute nella legge – spiega l’assessore regionale alle riforme Antonio Bartolini - Invece, come avevamo previsto, la Corte ha ritenuto incostituzionali soltanto alcune norme in materia sismica: quelle che semplificano l'autorizzazione sismica e quella per cui non può essere il comune ma deve essere la regione a rilasciare il parere sismico sui piani regolatori generali. Questi rilievi sono però di grande impatto sul processo di semplificazione che avevamo messo in piedi e che tra l’altro aveva dato di funzionare benissimo già in occasione dei precedenti terremoti”.
“Siamo tra l’altro all’avvio di un grande processo di ricostruzione dei centri colpiti dagli eventi sismici del 2016 – agiunge Bartolini - e una normativa che semplifichi l’iter burocratico è essenziale per velocizzare, sia pure nella massima sicurezza, i lavori. Ecco perché torneremo alla carica con il Governo, con il Parlamento, con il Commissario straordinario per la ricostruzione”.

Nessun commento:

Posta un commento

Provincia di Terni: dieci ponti oggetto di verifiche in atto da tempo, ma tutti sicuri

TERNI – Sono dieci i ponti della rete stradale di competenza della Provincia di Terni su cui sono in corso da tempo lavori di verifica del...